enit

Porta San Martino

Esporta come KML per Google Earth/Google MapsApri mappa autonoma in modalità schermo interoCreare immagine del codice QR per mappa autonoma in modalità schermo interoEsporta come GeoJSONEsporta come GeoRSSEsporta come ARML per Wikitude il browser con Realtà-Aumentata
Porta San Martino

Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

| km | scaricare file GPX scaricare file GPX
Porta San Martino: 41.839370, 12.888508

La Porta di San Martino si apre nella cinta medievale di Palestrina, costruita per lo più sulla linea di quella antica in opera poligonale e quadrata.

La porta, infatti, corrisponde quasi esattamente al principale accesso occidentale alla città già in età antica, che, seppur murato, è ancora visibile oggi nel muraglione in opera quadrata che si conserva alla sua destra e che proteggeva la città su questo lato.

Le parti tufacee in Opus Quadratum del circuito difensivo delle fortificazioni costituiscono la fase più tarda (III-II sec. a.C.) delle mura originarie, queste ultime realizzate in opera poligonale e pietra calcarea e risalenti all’epoca tardo-arcaica (inizi V sec. a.C.).

Attraversata Porta S. Martino, proseguendo lungo il corso Pierluigi, si raggiunge piazza della Liberazione, sotto la quale si conservano le fondazioni di un tempio a pianta rettangolare datato all’età tardo-repubblicana.

L’edificio, caratterizzato da una cella centrale con ante prolungate, aveva una doppia fila di quattro colonne sulla fronte e sei sui lati lunghi. Alle spalle era privo di colonnato.
L’impostazione planimetrica trova un confronto stringente con il Tempio C di Largo Argentina a Roma nella sua fase del III sec. a.C.